DATA 23/12/2018

In memoria di Sergio Conti

A tutti i lettori di questa pagina rivolgiamo l’invito a lasciare un pensiero in ricordo del nostro amico e collaboratore Sergio Conti.

Solo qualche mese fa gli era stato diagnosticato un male incurabile, ma è spirato improvvisamente la mattina del 23 dicembre 2018 lasciandoci con una discrezione del tutto personale.

Da oltre 15 anni collaborava con la nostra azienda in qualità di consulente, di tecnico, di dimostratore. La famiglia Scucchiaro, riconoscente per il sincero affetto ricevuto da Sergio in tutti questi anni e per l'impegno che sempre ha profuso, lo ricorda così: leale, disponibile, generoso.

Sergio aveva 74 anni, tuttavia, finché la malattia non lo ha fiaccato, ha sempre dimostrato una vitalità ed una forza indescrivibili, mai stanco e sempre affabile, amava trasmettere con passione il suo mestiere ai tanti che lo accostavano. Con noi, ma non solo, ha girato l’Italia in lungo ed in largo, stretto rapporti e contatti con migliaia di persone, sempre in viaggio, costantemente proteso a conoscere, sì perché malgrado il suo compito fosse quello di dare consigli tecnici diceva sempre che in ogni viaggio, ad ogni dimostrazione, c’era sempre qualcosa da apprendere nel confronto con gli altri.

È stato descritto come un personaggio poliedrico ed è vero! Diplomatosi come perito chimico lavorò per un po’ di tempo in un’azienda conciaria per poi dedicarsi all’insegnamento alle Scuole Medie di Pieve Santo Stefano. Grande appassionato di calcio, fu giornalista sportivo per la Stampa in età giovanile. Originario di Umbertide in terra umbra, si trasferì a Sansepolcro, in provincia di Arezzo, dopo il matrimonio ed affiancò la moglie Rosy Chieli nella rinomata pasticceria di famiglia a cui si aggiunsero più tardi i suoi due figli, Alessio e Antonella. Lasciò infatti l’insegnamento per dedicarsi alla nuova arte e non fu comprimario, poiché in breve tempo divenne un bravo e valente pasticciere.

Fu tra i fondatori del gruppo scout biturgense, animatore di moltissime iniziative legate alla valorizzazione del territorio, dell’imprenditoria, dell’agricoltura e dei prodotti tipici. Era un amante della Sua terra, fondò una sua piccola casa editrice ed in questa veste pubblicò diversi libri, molti dei quali rivolti a valorizzare scrittori locali ed a promuovere il Suo territorio. Ultimamente cullava il sogno di riuscire a realizzare un gemellaggio fra Sansepolcro, storico borgo famoso per aver dato i natali a Piero della Francesca, ed Este, sede della Eska e ridente cittadina turistica sui Colli Euganei con la sua storia secolare.

Fra le tante sue attività, iniziò a pubblicare una mini-enciclopedia dedicata a tutti i Comuni italiani con la popolazione sotto i 5000 abitanti!

Aveva una personalità vulcanica e curiosa, ed era spesso presente nelle tante iniziative della Valtiberina dedicate alla promozione dell’enogastronomia locale. Si definiva un “ambasciatore della Chianina”, nonché un promotore dell’olio extravergine d’oliva della “varietà morcone”. Cosa poco nota è che conseguì pure il titolo di sommelier.

Come pasticciere amava trasmettere le sue conoscenze, specialmente ai giovani che incontrava nei laboratori o presso la nostra sala prove e dimostrazioni, mai geloso delle numerose ricette che ricordava a memoria e sempre pronto a condividere la grande esperienza professionale.

Con la società ESKA ha collaborato fino all’ultimo periodo; aveva imparato negli anni anche la nobile arte del panettiere; è stato il “padre” del nostro prodotto “Tesoretto”. Fra le sue frasi celebri: “sta attento che il pane ti guarda, trattalo bene”; “non cercare scuse, cerca soluzioni”.

Ripeteva in continuazione che ormai la famiglia Scucchiaro era diventata la sua seconda famiglia e confidava che avrebbe cooperato con noi fintantochè l’avessimo voluto. Solo il destino ha deciso di spezzare questo legame. Poteva considerarsi quasi un nostro fratello “maggiore”, sicuramente è stato un amico e compagno fedele di tante battaglie combattute fianco a fianco.

Eravamo consapevoli che l’età avanzata non gli avrebbe più consentito di viaggiare ancora tanto e soprattutto visitare i molti clienti sparsi per l’Italia, perciò avevamo un nuovo progetto per lui, affiancandogli una squadra di tecnici per affidargli il coordinamento del lavoro di formazione e di sviluppo.

Purtroppo non c’è stato il tempo per realizzarlo.

Ciao Sergio e grazie. È stato un onore averti conosciuto!

______________________________________________

Invitiamo tutti coloro che hanno conosciuto Sergio nel corso degli anni ad inviare un messaggio di saluto, in memoria o un attestato di stima, cliccando sul link di seguito indicato.

Scrivete a ciaosergio@eska.it

I messaggi pervenuti saranno recapitati alla famiglia.